17 maggio: giornata mondiale contro l’omofobia

17 maggio: giornata mondiale contro l’omofobia

Oggi è la giornata mondiale contro l’omofobia. E’ una giornata per riflettere su quanto i diritti individuali di libertà, e primo fra tutti il diritto di amare, non possano essere negati né da norme né da pregiudizi.
Gli orientamenti sessuali non possono essere fonte di discriminazione o di stigma. Negare pari dignità non viola solamente i diritti della persona ma i diritti umani più profondi. Il diritto di amare non è solamente diritto dell’individuo, ma diritto collettivo.
Fa orrore oggi pensare che poco meno di 30 anni fa la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità considerava l’omosessualità una malattia mentale. E questo quando già proclamava l’importanza del benessere nella propria definizione di salute.
Fa orrore quanta atroce sofferenza abbia provocato in passato e provochi ancora il non essere liberi di esprimere il proprio amore.
Negli ultimi anni sono stati fatti passi avanti importanti per garantire il diritto di vedere riconosciute e tutelate le unioni tra persone dello stesso sesso. Ma sull’attuale formulazione della legge pesano ancora  pregiudizi, e peggio ancora non vi è ancora pari dignità tra famiglie omosessuali e famiglie eterosessuali.
Ricordiamo sempre che diversità sono un patrimonio! (Ma non lo sono certo le disparità, ovvero quelle disuguaglianze che sono ingiuste).
I miei auguri oggi a tutte le coppie gay e in modo speciale a Ingrid e Adele e ai loro bellissimi bambini, due eroine venute dall’altra parte del pianeta a insegnarci come essere felici vincendo ogni apartheid.

Info sull'autore

Furio Honsell administrator

Lascia una risposta

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi