Archivio per Categoria Giovani

Aggiornamento linee guida in materia di diritto allo studio universitario: un mio breve commento

“Oggi come Open Sinistra FVG abbiamo votato contro la nuova versione delle linee guida regionali in materia di Diritto allo Studio universitario. In primo luogo esplicitava l’intenzione di una volontà di chiusura da parte dei soci del Consorzio di Gorizia. Poiché la Regione non ne fa parte sembra improprio esplicitare l’intenzione di un altro soggetto, tanto più che l’ultimo atto ufficiale del 13 ottobre 2020 del socio di maggioranza, il Comune di Gorizia, aveva respinto tale ipotesi. Certamente il consorzio deve evolversi ma promuovere l’idea che voglia chiudere non è di vantaggio per la città di Gorizia e gli studi universitari cittadini.
In secondo luogo e più in generale si è perduta oggi a nostro avviso l’opportunità di potenziare il sostegno alle famiglie nel favorire la scelta universitaria con misure ulteriori. Ci saremmo aspettati maggiore energia sul fronte della #formazione come è stata dimostrata per altri settori a seguito del secondo picco della pandemia. La formazione per tutti è l’unica via per superare la crisi. Troppi rischiano di essere lasciati indietro” ha dichiarato il consigliere regionale Furio Honsell.

Commissione VI: necessari maggiori investimenti nel diritto allo studio

Questa mattina in Commissione VI c’è stata l’audizione di una delegazione di studenti dell’Università di Trieste che a nome di tutti gli studenti delle nostre due Università e in particolare di coloro che vivono presso le case dello studente, hanno presentato uno studio approfondito delle problematiche che attraversano in questo periodo di emergenza epidemiologica.
Molte #famiglie sono state penalizzate economicamente dalla pandemia e quindi per molte di quelle meno abbienti risulta molto più oneroso far intraprendere o far proseguire un percorso di #studi universitari ai propri figli. Le loro richieste riguardano sia forme di abbattimento del costo degli affitti per gli studenti fuori sede sia l’istituzione di borse servizi per studenti che provengono da famiglie con ISEE bassi, ma non tali da poter usufruire dei sussidi attuali.
Purtroppo le loro richieste non hanno ricevuto particolare ascolto dalla maggioranza anche se a giorni verrà varato una manovra di quasi 100 milioni che vedrà molte risorse indirizzate, spesso anche a pioggia, quindi non secondo criteri di bisogno, a tante aziende e verso la proroga per i pericolosi contributi per la benzina agevolata.
Come Open-Sinistra FVG siamo molto preoccupati che molte famiglie meno abbienti possano rinunciare a iscrivere i loro figli all’università, basti il dato che le domande per borse di studio anche entro la soglia ISEE da parte di matricole sono diminuite di un terzo. Ma la formazione universitaria sarà sempre più necessaria nel mondo post pandemia.
La nostra regione dovrebbe investire molto di più sul diritto allo studio in senso lato, facendola diventare una regione innovativa che favorisce e facilita gli studi universitari ben al di là di ciò che deve essere assicurato per legge. Auspichiamo che ci sia maggiore ascolto a questi temi in sede di bilancio di previsione.

Nuovo DDL sul lavoro: un mio breve commento

“Il Consiglio Regionale ha oggi approvato l’aggiornamento e la manutenzione della legge regionale sul lavoro 18/2005 che aveva ormai 15 anni. Come Open Sinistra FVG abbiamo votato a favore perché le norme introdotte erano opportune. A livello di principi, inoltre, sono anche stati accolti alcuni dei nostri emendamenti.” Queste le dichiarazioni del Consigliere Honsell “Rimane però la sensazione che sia stata persa un’occasione per mettere in atto azioni forti per affrontare quelle nuove problematiche del lavoro emerse soprattutto negli ultimi mesi a seguito dell’emergenza epidemiologica.”
“La prima riguarda i rischi del cosiddetto lavoro agile che spesso è solo lavoro a distanza e potrebbe innescare nuove forme di dumping salariale e sfruttamento dei lavoratori. Altro tema è quello dell’inclusione degli “inattivi”, che seppur sia stato recepito in firma generale, su nostro emendamento, è stato poi poco sviluppato. Infine – conclude Honsell – poco incisive sono sembrate le azioni a favore di quelle forme di precarietà che più hanno sofferto di recente, ovvero i lavoratori a chiamata e intermittenti.”

Sui temi della sicurezza nei luoghi di lavoro e cultura prevenzione

“Ancora un’altra tragica notizia: la morte di un giovane di ventiquattro anni, ucciso da un fatale infortunio sul proprio luogo di lavoro. E’ il terzo caso in Regione negli ultimi quindici giorni. Alle famiglie e agli amici di questi lavoratori desidero porgere le mie più sincere condoglianze e l’auspicio di una celere giustizia e verità sulle cause della loro morte. Anche se ciò non potrà restituirli ai loro affetti almeno darà loro la consolazione che la loro morte non è stata inutile”: ha dichiarato il consigliere regionale di Open Sinistra FVG Furio Honsell.

“Purtroppo, nemmeno il lockdown ha frenato questo drammatico fenomeno: si parla di ben sei casi nei primi cinque mesi dell’anno (da gennaio a maggio 2020) che salgono a nove con i tre casi dell’ultimo mese. In particolare in questa fase storica, come già dichiarato in una nota dal Segretario della CGIL Pezzetta – non è possibile abbassare la guardia: le aziende in questa fase di transizione sono messe sotto stress e le difficoltà che devono affrontare, fra cui l’incertezza sulle commesse e quindi sul loro futuro, avranno effetti pesantissimi anche sotto il profilo della sicurezza dei luoghi di lavoro per tutti i lavoratori e le lavoratrici.”

“Le istituzioni rimangono ammutolite e intervengono a tragedia ormai avvenuta. Il loro compito non è solamente quello di controllare e verificare il pieno rispetto di tutte le normative sulla sicurezza, che deve avvenire comunque in modo rigoroso e continuativo, ma anche quello di analizzare il problema e promuovere tutta una serie di azioni virtuose per una “cultura della prevenzione” a 360 gradi, dai luoghi di lavoro all’ambito scolastico e formativo. Questo problema deve riguardare il datore di lavoro ma anche tutti e tutta la rete sociale del territorio. Tutti quindi, nessuno escluso. Il principio della sicurezza deve rimanere una delle maggiori priorità delle istituzioni e questo si sostanzia in investimenti cospicui da parte delle imprese e in contributi finanziari da parte degli assessorati competenti. Le preoccupazioni generali sulla tenuta del comparto economico, imprenditoriale ed occupazionale regionale non possono permettere un accantonamento di tale problematica, come se non esistesse. Purtroppo anche nell’ultimo assestamento di bilancio che verrà discusso a fine mese ci sono tagli significativi proprio a queste voci!” ha concluso Honsell.

Qui sotto i principali articoli del Messaggero Veneto:

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi