Archivio per Categoria Diritti

Dodici anni fa l’addio a Eluana Englaro

“Dodici anni fa, a Udine, cessava di respirare Eluana Englaro. Non cessò di vivere nel 2009. Ciò avvenne altrove, diciassette anni prima. Una rianimazione non andata a buon fine la lasciò in uno stato vegetativo.
Udine fu l’unica città che seppe accogliere un padre ed una figlia in una fase tremenda della loro vita. Udine città dei diritti civile, seppe garantire loro il diritto alla giustizia. Tutti i livelli di giudizio infatti avevano autorizzato la rimozione del sondino naso-gastrico, come chiedeva il padre in nome della figlia. Udine seppe così rendere esigibile il diritto al rifiuto delle cure quando queste sono degradanti, come sancisce la nostra Costituzione.
Beppino Englaro è un eroe civile per aver sostenuto con forza una battaglia di civiltà senza ipocrisie, aprendo la strada alla legge 219/17 sul consenso informato e le disposizioni anticipate di trattamento.
Il progresso scientifico ci obbliga un’elaborazione bioetica permanente e responsabile, che metta in discussione i risultati di ogni nuova conquista. Ma il progresso civile si raggiunge solamente quando il pensiero bioetico si rafforza dello slancio di amore di un padre.”

Su caso Regeni: richiesta ritiro ambasciatore al Cairo va appoggiata con decisione

La richiesta della famiglia Regeni di ritirare l’ambasciatore al Cairo va appoggiata con decisione. È infatti l’unica risposta all’ultima gravissima decisione della procura del Cairo di avvallare un depistaggio sulla tortura e omicidio di Giulio Regeni in esplicito contrasto con la decisione della procura di Roma” queste le dichiarazioni del Consigliere regionale Furio Honsell.
“Come ormai da quasi 5 anni chiediamo Verità e Giustizia su questa vicenda e quest’ultimo atto, purtroppo, va nella direzione opposta.”
“Interessi economici e militari – conclude Honsell – non possono lasciare indifferente un governo di un paese civile come quello italiano. I diritti umani e civili son una delle conquiste più importanti dell’umanità e non sono mai negoziabili.”

Bocciata in Consiglio nostra mozione contro odio, violenza e discriminazione LGBTI+

“Oggi abbiamo vissuto un’altra pagina buia di questo Consiglio Regionale che non si è volutamente battere contro l’odio, la violenza e le discriminazioni nei confronti di persone LGBTI+”: queste le dichiarazioni del Consigliere regionale Furio Honsell di Open Sinistra FVG circa la bocciatura della mozione da lui presentata di condanna all’omofobia e alla transfobia purtroppo ancora presenti nel nostro paese, come lo dimostrano i recenti gravi atti di violenza contro una coppia gay a Padova e l’omicidio di una ragazza nel tentativo di punirla per la sua relazione con un transessuale in provincia di Napoli.
“Sono addolorato del fatto che la più alta istituzione nella nostra regione sia indifferente alle manifestazioni di violenza e di odio verso gay e transessuali. Lo sono tanto più che queste nostri cittadini da millenni hanno sofferto subendo il disprezzo l’odio e la violenza. Le istituzioni dovrebbero fare vivere con i loro atti la nostra Costituzione che nei primi articoli pone ad essi il dovere di rendere concrete le possibilità a tutti di realizzare appieno la propria personalità.”
“A questo dolore si aggiunge la delusione del fatto che ho provato a venire incontro alle richieste della maggioranza modificando il testo nella speranza potesse essere condiviso, purtroppo però i miei sforzi sono risultati vani ed il risultato è che il Consiglio Regionale ha perso un’occasione per condannare brutali atti di odio e schierarsi dalla parte delle persone maggiormente discriminate.”

Commissione VI: necessari maggiori investimenti nel diritto allo studio

Questa mattina in Commissione VI c’è stata l’audizione di una delegazione di studenti dell’Università di Trieste che a nome di tutti gli studenti delle nostre due Università e in particolare di coloro che vivono presso le case dello studente, hanno presentato uno studio approfondito delle problematiche che attraversano in questo periodo di emergenza epidemiologica.
Molte #famiglie sono state penalizzate economicamente dalla pandemia e quindi per molte di quelle meno abbienti risulta molto più oneroso far intraprendere o far proseguire un percorso di #studi universitari ai propri figli. Le loro richieste riguardano sia forme di abbattimento del costo degli affitti per gli studenti fuori sede sia l’istituzione di borse servizi per studenti che provengono da famiglie con ISEE bassi, ma non tali da poter usufruire dei sussidi attuali.
Purtroppo le loro richieste non hanno ricevuto particolare ascolto dalla maggioranza anche se a giorni verrà varato una manovra di quasi 100 milioni che vedrà molte risorse indirizzate, spesso anche a pioggia, quindi non secondo criteri di bisogno, a tante aziende e verso la proroga per i pericolosi contributi per la benzina agevolata.
Come Open-Sinistra FVG siamo molto preoccupati che molte famiglie meno abbienti possano rinunciare a iscrivere i loro figli all’università, basti il dato che le domande per borse di studio anche entro la soglia ISEE da parte di matricole sono diminuite di un terzo. Ma la formazione universitaria sarà sempre più necessaria nel mondo post pandemia.
La nostra regione dovrebbe investire molto di più sul diritto allo studio in senso lato, facendola diventare una regione innovativa che favorisce e facilita gli studi universitari ben al di là di ciò che deve essere assicurato per legge. Auspichiamo che ci sia maggiore ascolto a questi temi in sede di bilancio di previsione.

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi