Archivio dei tag Regione FVG

Sulla soppressione di ERPaC

“Ieri durante l’audizione dell’Assessore Gibelli in V commissione è emerso con preoccupante chiarezza quanto l’ERPaC sia stato chiuso solamente per una volontà pregiudiziale dissimulata da una volontà di semplificazione”. Così afferma il Consigliere regionale di Open – Sinistra Fvg, Furio Honsell.

L’Assessore inoltre non ha voluto delineare quale sarà il piano attuativo delle attività di ERPaC all’interno della Direzione, anche perché questo è solamente abbozzato. “Siamo quindi molto preoccupati che queste incertezze provocate dall’abbandono di un percorso certo possano essere eccessivamente limitative per dare la giusta e adeguata risposta che il sistema museale e della cultura regionale richiede”.

Si chiede ancora Honsell: “certe funzioni quali l’attività di ricerca e catalogazione, l’attività di formazione mirata e di aggiornamento degli operatori culturali, l’organizzazione di eventi espositivi e musicali, la promozione, prima condotte dall’ERPaC, potranno essere gestite in modo adeguato da un ente di livello strategico e così complesso come la Regione?”.

“Noi di Open – Sinistra FVG monitoreremo, nel futuro, la gestione del personale e delle attività nella speranza che sia data continuità delle funzioni e la giusta dignità al sistema museale e culturale della Regione Friuli Venezia Giulia”.

Relazione su Ddl 78 “Disposizioni concernenti la realizzazione di nuovi locali della Questura di Trieste”

La prima domanda naturale a fronte di questo DDL è: perché c’è bisogno di una legge per aiutare finanziariamente un’istituzione statale in difficoltà? Chi abbia ricoperto ruoli amministrativi come quello di Sindaco, non si stupisce che un’istituzione locale aiuti un’istituzione statale. A Udine quando ero Sindaco abbiamo realizzato varie opere di manutenzione straordinaria per il Tribunale e caserme dei Carabinieri nei quartieri più decentrati. Riuscii a realizzare a Udine anche una caserma per raccogliere in un unico sito tutti i tre i nuclei speciali dei Carabinieri, ovvero i NOE i NAS e i NTPC, struttura unica in regione FVG. Ma si operò sempre attraverso una convenzione. Dunque perché una legge, se si può fare tutto in modo più semplice? Ci è stato risposto che si intende investire per adesso un milione e mezzo su un sito che non è di proprietà regionale, dunque serve una norma. Ma già qui allora c’è qualcosa di anomalo. La collocazione dei nuovi locali è già stata decisa senza concordarla con tutti i rappresentanti della cittadinanza, senza una convenzione con l’ente locale? Un’audizione su un tema così delicato come la collocazione degli Uffici Immigrazione a nostro avviso andava fatta. Ci è stato risposto che il provvedimento era molto urgente, essendo arrivata la richiesta a giugno dell’anno scorso. Sette mesi per reagire però, sembra tempestivo solo su scala geologica, un’audizione avrebbe richiesto forse una settimana in più. In questa vicenda l’urgenza, se di urgenza si tratta, è invece misurata in mesi. Evviva la rapidità.

La seconda domanda naturale è stata dunque perché si è aspettato tanto tempo per un simile provvedimento. C’era l’opportunità di agganciarlo a qualche legge omnibus, e certamente non ce ne sono state poche, oppure a qualche legge di assestamento. Qui non è stata data risposta chiara.

La terza domanda è perché a fronte di altre richieste di aiuto che vengono dalle amministrazioni statali è stata data risposta solamente a questa? Sono a conoscenza di almeno un’altra richiesta altrettanto urgente che proviene dal Ministero della Giustizia relativamente alle Residenze per l’Esecuzione di Misure di Sicurezza (REMS) presso l’area triestina. Le REMS sono le strutture previste dalla Legge 81/2014 che hanno chiuso quella atroce e disumana realtà che erano gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Mi risulta che la richiesta rivolta alla Regione sia stata fatta quasi un anno fa e sia stata più volte reiterata, ma non abbia ricevuto ancora risposta. Eppure a causa della mancanza di tale struttura, mi risulta che agenti di polizia penitenziaria operino presso reparti di Diagnosi e Cura ospedalieri, mettendo profondamente a disagio un settore delicato che proprio del disagio mentale profondo si fa carico. La Giunta avrebbe potuto legiferare in merito a tutte le richieste di questo tipo, definendo criteri di intervento. Al riguardo non ho ricevuto risposta se non ai limiti dell’offesa.

L’ultima domanda è dunque una meta-domanda: perché non è stata data risposta a tutte queste domande poste in Commissione? L’unica risposta è avvilente perché mette in luce il cinismo mediatico della Giunta: perché altrimenti non si raggiungeva altrettanta visibilità! Questa Giunta vuole infatti poter dichiarare in dirette Facebook, attraverso la pletora di social media, attraverso i titoloni delle aperture di pagina dei giornali, che si impegna come nessuna prima sul tema del contenimento dei richiedenti asilo.

In aggiunta, il sito sul quale si vuole intervenire sembra essere quello di un quartiere non centrale della città di Trieste per nascondere questa problematica agli occhi dei più, scaricandola su un quartiere che si reputa arbitrariamente secondario. Non si vuole avere troppo dibattito che possa macchiare la bellezza immacolata del titolo di questa legge e del suo articolo 1 sulle finalità. Mi sembra di sentirli i membri della Giunta riempirsi la bocca snocciolando nelle interviste, per cercare di guadagnare la massima, tutti le leggi con le quali hanno provveduto a gestire l’Ufficio Immigrazione.

A nostro avviso se si volesse intervenire per via legislativa su una qualsiasi tematica e quindi anche questa, andrebbe fatto un ragionamento programmatico completo, non un intervento puntuale ad effetto. A tanto ci richiamerebbe il nostro dovere di consiglieri, altrimenti qui in Consiglio continuiamo a fare da cassa di risonanza per una propaganda mediatica.

Questo DDL fa il paio con il DDL 79 SEMPLIFICA che parla di semplificazione e tutto quanto è stato detto per tale DDL al riguardo del suo valore eminentemente propagandistico andrebbe tristemente qui ripetuto.

Come OPEN – SINISTRA FVG faremo alcuni emendamenti volti alla definizione degli interventi regionali a sostegno di strutture statali in difficoltà, auspicando che venga data risposta anche alle richieste provenienti dal Ministero di Giustizia a favore dei reclusi.

Incontro a Trieste sulla riforma sanitaria: 28 novembre, ore 17.30

Riforma sanitaria: considerazioni e proposte

Giovedì 28 novembre, dalle ore 17.30 alle 19.30, a Trieste in Sala Tessitori – Piazza Guglielmo Oberdan 5, è previsto un incontro pubblico sul tema della “Riforma sanitaria: considerazioni e proposte” organizzato dai gruppi consiliari del PD e del Misto / Open-Sinistra FVG.

Oltre ai contributi introduttivi dei professionisti del settore sono previsti gli interventi di Roberto Cosolini (consigliere Gruppo PD FVG) e di Furio Honsell (consigliere Gruppo Misto – Open FVG).

Disegno di legge “enti locali”: affossa il sistema e non lo migliora

Per Furio Honsell il disegno di legge sugli Enti Locali “è una legge che ha solo l’ambizione di essere una riforma degli enti locali in Friuli Venezia Giulia, ma nella realtà si esaurisce nell’affossare il sistema precedente invece di migliorarlo. La sua “pars costruens” è infatti miserevole e medievale, ispirata al principio del “ogni contado si arrocchi intorno al proprio castello”.

Il Consigliere di Open Sinistra Fvg critica innanzitutto la decisione di questa maggioranza di adottare la formula della proposta di legge di iniziativa giuntale: “una proposta di legge consiliare sarebbe stata molto più appropriata, soprattutto alla luce del fatto che sono decine i membri di questo Consiglio che hanno avuto esperienze significative e prolungate di Sindaco, mentre nella Giunta, uno solo forse ha avuto
tale esperienza”.

Aggiunge inoltre che questa metodologia “comprime notevolmente i tempi del dibattito, senza permettere un dialogo compiuto nelle audizioni”. Dialogo che ancora una volta secondo Honsell non si è compiuto neppure in aula: “questa maggioranza dimostra per l’ennesima volta la sua arroganza istituzionale. Non solo non vengono prese in considerazione le opinioni delle opposizioni ma non sono stati colti neppure alcuni degli spunti presentati dai Sindaci del nostro territorio nelle audizioni! Per correttezza istituzionale e rispetto del ruolo che ricopro – continua l’esponente di Open Sinistra Fvg – ho presentato numerosi emendamenti pur sapendo che non sarebbero stati accolti e infatti così è stato”.

“Ma l’aspetto più pericoloso di questo disegno di legge – conclude Honsell – è che non disegna un futuro dignitoso per i territori e per gli enti locali stessi che ne sono i soggetti esponenziali. Sembra quasi che il legislatore voglia costringere gli Enti locali ad una situazione di nanismo istituzionale. Ha forse in mente di rendere quindi inevitabile la reintroduzione di un organismo di controllo regionale sovracomunale più forte così da renderli di nuovo sudditi e vassalli come ai tempi del Patriarcato? Questa legge pone le basi per meccanismi che sono l’antitesi della multilevel governance che invece in tutta Europa sta irrobustendo il ruolo di Comuni e delle loro aggregazioni”.

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi