Decreto sicurezza: un passo indietro verso la barbarie

Decreto sicurezza: un passo indietro verso la barbarie

Il decreto sicurezza di Salvini è un passo indietro verso la barbarie, un provvedimento assolutamente diabolico perché non risolve il problema dell’inclusione, ma cerca di esasperare le situazioni azzerando lo Sprar e non permettendo ai richiedenti asilo di fare nessuna attività nel periodo in cui sono ospitati. Scelte da cui non possono che derivare gravi problemi di convivenza.

E’ davvero molto pericoloso ciò che viene fatto ed è contrario alla Costituzione perché colpevolizza e criminalizza una condizione che invece la Costituzione prevede che debba essere trattata con rispetto e lo fa in modo tale che la situazione si esasperi.

Le persone in attesa di conoscere la propria sorte sono trattate alla stregua di criminali e in contesti che non possono che sfociare in tensioni sociali.

Con questo decreto diventato legge si butta via tutta l’esperienza maturata fino a oggi. È un provvedimento che nasce da una profonda ignoranza perché lo Sprar era un modello di inclusione. Invece di perfezionarlo, hanno volutamente strumentalizzato il tema dell’immigrazione favorendo l’instabilità in quanto si punta a radicalizzare la presenza degli stranieri affinché possano essere utilizzati come capro espiatorio. Tutto questo è diabolico.

Qui sotto l’articolo del Messaggero Veneto:

Non cementate l’autonomia dei Comuni: incontro aperto sulla Proposta di Legge 26

Siete tutti invitati a partecipare all’incontro dal titolo “Non cementate l’autonomia dei Comuni: incontro aperto sulla Proposta di Legge 26 – Misure urgenti per la competitività regionale” che si terrà sabato 01 dicembre, alle ore 11, a Monfalcone c/o il Caffè Brocante, in Viale San Marco 44.

All’incontro parteciperanno:
 Furio Honsell, Cons. regionale FVG
 Cristiana Morsolin, Cons. comunale de La Sinistra per Monfalcone
 Fabio Fabris, Ass. comunale all’Urbanistica Grado.

Per scaricare la proposta di legge 26 clicca qui

Legge di Bilancio: dov’è andato il fuoco della campagna elettorale della Giunta Fedriga?

Se la Legge di Bilancio che verrà approvata sarà quella in discussione nelle commissioni, le più importanti novità per il FVG nel 2019 saranno l’introduzione dell’anagrafe felina e la possibilità per le osterie storiche di poter “mettere il Wi-Fi” senza perdere la qualifica di locale storico. Tutta ordinaria amministrazione.

Ma dov’è andato il fuoco della campagna elettorale della Giunta Fedriga? Avrebbe dovuto esserci ben altro nei settori dell’innovazione, dell’economia circolare, della sostenibilità e soprattutto del lavoro.

Temo che, come ormai è diventata cattiva consuetudine, in extremis arriverà una valanga di emendamenti che presenteranno all’atto pratico tutti i difetti delle cose fatte affrettatamente.

Honsell: la pdl 26 incide su strumenti urbanistici delicati

Se c’è una legge omnibus questa è proprio la Proposta di Legge n. 26 “Misure Urgenti per il recupero della competitività regionale”: questo frappè di micro adattamenti e piccole manutenzioni preoccupa soprattutto perché va ad incidere su strumenti urbanistici molto delicati.
Ad esempio, quali effetti perversi potranno avere le norme stabilite all’articolo 5 di modifica alla Legge regionale 19/2009? Altri articoli ancora escludono tutta una serie di controlli. Tuttavia dovrebbero spaventare qualsiasi cittadino quegli incrementi volumetrici cospicui, elargiti anche solamente in occasione di una manutenzione oppure nel settore dell’accoglienza alberghiera.

Queste norme possono produrre degli effetti devastanti sugli skylines delle nostre città e sull’intensità dell’urbanizzazione e dunque sui servizi.

Queste norme andrebbero maturate e varate con chiarezza strategica, mancano invece visioni alte. Questo Consiglio regionale pensa come oggi non progetterebbe nemmeno un piccolo Comune.

Open FVG Sinistra Civica porterà in Consiglio regionale una serie di emendamenti che andranno ad incidere pesantemente sulla portata della Proposta di Legge.

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi