Archivio per Categoria Considerazioni e riflessioni

Il FVG: una Regione facilitatrice per la ripresa

In questi giorni sui social veniamo bersagliati da documenti da parte di forze populiste e nazionaliste che strumentalizzano la crisi medico-socio-economica dell’emergenza epidemiologica. Molti hanno un fortissimo carattere anti-governativo o anti-europeo. Quotidianamente ascoltiamo infatti dichiarazioni pubbliche di assessori regionali che danno la colpa al commissariamento statale per la scarsità di DPI, o di esponenti politici nazionali che addossano la responsabilità della difficile gestione economica della crisi all’Europa e snocciolano acronimi come fossero l’abracadabra delle fiabe, che secondo loro non vengono posti in atto, ma sarebbero invece salvi(ni)fici. Sembra infatti di essere sempre in campagna elettorale.

Per fortuna da tutta Europa giungono anche appelli importanti dal mondo politico, economico culturale e scientifico, che indicano come l’unica speranza per il mondo dopo il Coronavirus sia un’Europa coesa. Come abbiamo già sostenuto un anno fa in occasione della campagna per le elezioni europee, là dove l’Europa riesce ad essere unita si risolvono i problemi globali. Mentre là dove non c’è ancora riuscita sorgono le difficoltà. È paradossale, anzi errato quindi, concludere che ci vuole meno Europa, bensì il suo opposto.

Il senso di solidarietà europea è l’unico valore sul quale costruire il futuro. L’Europa così può svolgere una funzione anche per chi europeo non è.

Allo stesso modo la Regione FVG dovrebbe candidarsi, in virtù della sua autonomia, non a inasprire i provvedimenti “iorestoacasa” varati dal Governo ma ad essere regione pilota della ripresa. Abbiamo molti ricercatori in questa regione ad alto contenuto di conoscenza che propongono graduali riprese in sicurezza. Il Presidente Fedriga farebbe bene a guidare tale ripresa sperimentando le soluzioni da loro proposte per riavviare le attività economiche, uscendo dalla logica del mero marketing politico e mettendosi con umiltà a disposizione del mondo scientifico ed economico agendo da “facilitatore” della ripresa, non da sasso sul percorso.

Centri di accoglienza ed emergenza Covid-19: presentata mozione

Abbiamo presentato una mozione all’attenzione del Consiglio regionale FVG per affrontare il tema – troppo sottaciuto – del rispetto dei diritti umani fondamentali e della tutela sanitaria dei cittadini stranieri accolti (ma sarebbe più onesto dire “detenuti”) nei centri di accoglienza di grandi dimensioni che ospitano centinaia di persone.

Si tratta di situazioni di vita e convivenza già difficili in condizioni “normali” ma che possono diventare potenzialmente esplosive in condizioni come l’attuale, considerato che il sovraffollamento, le precarie condizioni igienico-sanitarie e la limitata possibilità di movimento possono generare pesanti conseguenze tali da mettere in pericolo non solo le persone recluse, ma le stesse comunità che ospitano i centri.

Per questa ragione riteniamo necessario che la Giunta Regionale accantoni la propria xenofobia – elemento distintivo di ogni scelta adottata sul tema dal giorno dell’insediamento – e prenda dei provvedimenti di umanità nei confronti dei soggetti ospitati e di tutela della salute pubblica nei confronti di tutti, in particolare del personale addetto al controllo, all’assistenza e alla fornitura di servizi all’interno delle macrostrutture. È necessario provvedere alla chiusura dei centri di media e grande accoglienza straordinaria, riattivare le modalità di accoglienza diffusa che garantiscono maggiore sicurezza e maggiore tutela collettiva, l’attivazione di politiche di prevenzione e sensibilizzazione in merito ai rischi di diffusione del virus Covid-19 anche attraverso l’opera di mediatori linguistici e culturali il cui lavoro essenziale è stato in questi anni svilito da un governo regionale ottuso e crudele.

QUI puoi trovare il testo della mozione presentata.

Nuova riduzione alle corse del TPL: il mio commento

“Non condivido affatto la decisione dell’Assessore Pizzimenti di rimodulare ancora i servizi di #trasporto urbano ed extraurbano: per questo motivo ho presentato un’interrogazione nel quale vengono richiesti i dati precisi su cui si sia basato per decidere la rimodulazione delle corse e se sono state garantite le dovute tutele ai fruitori del servizio e al personale del settore.” Questo il commento di Furio Honsell, consigliere regionale di Open Sinistra FVG, in risposta alla decisione presa dall’Assessore regionale ai Trasporti.

“La riduzione delle corse dei mezzi pubblici è, a mio avviso, un provvedimento che va in contrasto con le direttive sanitarie disposte per combattere la diffusione del Covid-19. Infatti va da sé – spiega Honsell – che se il numero di corse diminuisce le persone si concentreranno più numerose nelle corse ancora attive, creando la possibilità di assembramento proprio all’interno del mezzo pubblico con il rischio di contagiarsi a vicenda e mettendo a rischio il personale: la maggior parte delle volte infatti gli autisti hanno un numero non sufficiente di mascherine e solamente un nastro di plastica per delineare la distanza di sicurezza suggerita.”

“Capisco che in questo momento alcuni servizi risultino poco frequentati ed alcuni quasi del tutto inutilizzati ma quello dei trasporti è un servizio pubblico regionale, che oltre a dovere essere funzionale per i cittadini che ancora necessitano di spostarsi per motivi di salute, lavoro o necessità, in questo momento deve garantire come priorità assoluta la sicurezza e la salute delle persone che lo utilizzano e del personale del settore.”

“Non voglio creare allarmismi” conclude il Consigliere regionale di Open Sinistra FVG “ma la garanzia che laddove verranno riscontrate necessità il servizio verrà intensificato in modo tempestivo non sono sufficienti, perché con un virus come il Covid-19 anche solo una corsa effettuata in modo non sicuro potrebbe causare il contagio di molte persone. La Regione FVG ha in capo tutte le funzioni amministrative in materia di pianificazione e di programmazione in tema di trasporto pubblico e locale e trovo che in questo momento emergenziale sia un atto responsabile e di buon senso ponderare ogni singola decisione, nell’ottica prioritaria di tutelare la salute di tutti.”

Qui sotto l’articolo di ieri del Messaggero Veneto:

Regione Fvg: discussione in Consiglio regionale del DDL 85, il mio resoconto

Nonostante gli emendamenti della Giunta e le modifiche al testo inziale della legge riscontro ancora che alcune fasce della popolazione o alcune realtà non sono prese in considerazione dalle misure attuate da questa Amministrazione regionale.” Questo il commento del Consigliere Honsell di Open Sinistra Fvg sul nuovo disegno di legge approvato oggi contenente le ulteriori misure per far fronte all’emergenza epidemiologica da COVID-19 “per questo motivo, con lo spirito collaborativo che contraddistingue Open Sinistra Fvg ho presentato alcuni emendamenti e ho fatto presente in aula varie situazioni che andrebbero prese in considerazione.”

Durante la discussione ho desiderato sottolineare alcuni punti sul quale il nostro gruppo vuole porre l’attenzione: “L’autonomia della Regione FVG rappresenta una peculiarità e un’opportunità molto importante della quale avvalersi in questo momento storico di grave emergenza economica e sociale. L’autonomia va dunque va sfruttata invece di polemizzare con il governo come purtroppo fanno alcuni assessori.”

Ancora Honsell: “I provvedimenti economici per le aziende e altre realtà che vengono decisi oggi in questo provvedimento devono affiancarsi a norme e azioni dedicate ai cittadini, alle famiglie e ai lavoratori che si trovano in un momento difficile, soprattutto i lavoratori a chiamata o precari. Molte famiglie si trovano improvvisamente in difficoltà anche solo per pagare l’affitto di casa. Un’altra problematicità che si riscontra nelle aziende è relativa all’assenza di efficaci dispositivi di protezione individuali per i lavoratori: una condizione essenziale affinché il lavoro effettuato avvenga in tutta sicurezza.”

“Altro provvedimento su cui ho posto l’attenzione è quello della riduzione delle corse dei mezzi pubblici, provvedimento che trovo vada in contrasto con le direttive sanitarie disposte per combattere la diffusione del Covid 19, infatti va da sé che se il numero di corse diminuisce le persone si concentreranno più numerose nelle corse ancora attive, creando quindi il pericolo di infettarsi fra loro e di contagiare anche il personale: la maggior parte delle volte infatti gli autisti hanno un numero non sufficiente di mascherine e solamente un nastro di plastica a delineare la distanza di sicurezza suggerita.”

“Ho portato per la seconda volta all’attenzione del Consiglio la necessità in via del tutto straordinaria di permettere ai Comuni turistici che hanno attiva sul loro territorio l’imposta di soggiorno di poterla utilizzare nell’anno 2020 senza vincoli legati alla finalità in deroga alla normativa regionale; a tal proposito ho presentato un emendamento che ho in seguito ritirato su richiesta della maggioranza che mi ha assicurato che avverrà un incontro fra i Sindaci dei Comuni interessati ed in seguito verrà fissata la II Commissione per trattare in modo approfondito il tema.”

Inoltre: “Ho voluto presentare due emendamenti con la finalità di destinare le risorse non ancora spese per sistemi di videosorveglianza nelle case di riposo e asili per la realizzazione e il potenziamento dei presidi sanitari nelle case di riposo e a favore della protezione civile. Di fronte all’emergenza si deve evitare di spendere soldi ideologicamente.” Ma questa riflessione non è stata afferrata dalla Giunta.

Infine: “Ho ritirato, a fronte dell’impegno espresso dall’assessore Roberti, anche l’emendamento volto a impiegare INSIEL nel fornire agli enti locali l’assistenza hardware e software per permettere loro di svolgere in modo telematico e quindi in sicurezza l’attività e il coordinamento.”

“Sarebbe auspicabile” conclude il Consigliere di Open Sinistra Fvg “che la Regione adotti delle misure che si affianchino a quelle statali aiutando le fasce della popolazione più deboli che ancora non hanno ricevuto risposte concrete. Questo sarebbe, a mio avviso, il modo corretto di sfruttare la nostra specialità, che fortunatamente abbiamo, non certo sfruttarla per vietare le passeggiate e l’attività sportiva all’aperto svolte in assoluta sicurezza.”

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi