Archivio per Categoria Comunicati stampa

Verità e Giustizia per Famiglia Cucchi e battaglie di molte altre

Finalmente Verità e Giustizia per Stefano Cucchi e la sua coraggiosa famiglia. Rimane ancora profondo il dolore per la barbara violenza che subì in una caserma e per il fatto che anche nei giorni successivi nessuna delle decine di persone che lo videro gli prestarono soccorso. Rimane inoltre la vergogna che per tale verità ci siano voluti più dieci anni per stabilirle.

L’Italia si conferma però uno stato di diritto, anche quando l’affermazione di questo principio può essere dolorosa per lo Stato stesso. La democrazia è anche la capacità del potere di autolimitarsi ponendo al centro il cittadino.

Oggi il mio pensiero va anche a molte altre famiglie, ed in particolare alla battaglia per la giustizia e la verità della famiglia Regeni: la notizia di oggi deve impegnarci a lottare con rinnovato impegno per loro. Loro lottano non solo per i loro familiari ma per ciascuno di noi.

Disegno di legge “enti locali”: affossa il sistema e non lo migliora

Per Furio Honsell il disegno di legge sugli Enti Locali “è una legge che ha solo l’ambizione di essere una riforma degli enti locali in Friuli Venezia Giulia, ma nella realtà si esaurisce nell’affossare il sistema precedente invece di migliorarlo. La sua “pars costruens” è infatti miserevole e medievale, ispirata al principio del “ogni contado si arrocchi intorno al proprio castello”.

Il Consigliere di Open Sinistra Fvg critica innanzitutto la decisione di questa maggioranza di adottare la formula della proposta di legge di iniziativa giuntale: “una proposta di legge consiliare sarebbe stata molto più appropriata, soprattutto alla luce del fatto che sono decine i membri di questo Consiglio che hanno avuto esperienze significative e prolungate di Sindaco, mentre nella Giunta, uno solo forse ha avuto
tale esperienza”.

Aggiunge inoltre che questa metodologia “comprime notevolmente i tempi del dibattito, senza permettere un dialogo compiuto nelle audizioni”. Dialogo che ancora una volta secondo Honsell non si è compiuto neppure in aula: “questa maggioranza dimostra per l’ennesima volta la sua arroganza istituzionale. Non solo non vengono prese in considerazione le opinioni delle opposizioni ma non sono stati colti neppure alcuni degli spunti presentati dai Sindaci del nostro territorio nelle audizioni! Per correttezza istituzionale e rispetto del ruolo che ricopro – continua l’esponente di Open Sinistra Fvg – ho presentato numerosi emendamenti pur sapendo che non sarebbero stati accolti e infatti così è stato”.

“Ma l’aspetto più pericoloso di questo disegno di legge – conclude Honsell – è che non disegna un futuro dignitoso per i territori e per gli enti locali stessi che ne sono i soggetti esponenziali. Sembra quasi che il legislatore voglia costringere gli Enti locali ad una situazione di nanismo istituzionale. Ha forse in mente di rendere quindi inevitabile la reintroduzione di un organismo di controllo regionale sovracomunale più forte così da renderli di nuovo sudditi e vassalli come ai tempi del Patriarcato? Questa legge pone le basi per meccanismi che sono l’antitesi della multilevel governance che invece in tutta Europa sta irrobustendo il ruolo di Comuni e delle loro aggregazioni”.

Riforma Fedriga “Enti locali”: Open Sinistra FVG vota contro in Commissione

Ieri Open Sinistra Fvg ha votato in Commissione contro la riforma Fedriga degli Enti locali: “Se le Unioni erano troppo innovative questa riforma ci riporta al medioevo, quando ci si stringeva intorno al castello” ha sintetizzato Furio Honsell.

“È scomparso infatti l’ente che solo poteva fare programmazione di area vasta. Adesso ogni Comune è da solo a fronteggiare le sfide. Non essendoci incentivi a realizzare Comunità, ogni Comune da solo dovrà fare convenzioni, tutto a scapito dei servizi e dei cittadini. Questa non è una riforma ma la chiusura di un’esperienza che andava certamente corretta ma non azzerata. È una chiusura che ci fa ripiombare nel passato remoto”.

Interrogazione per conoscere azioni intraprese per attuazione Mozione per Verità e Giustizia per Giulio Regeni

Questa mattina Open Sinistra FVG ha posto in Consiglio Regionale, attraverso un’interrogazione a risposta immediata, il problema dell’inerzia della Regione sulla vicenda di Giulio Regeni dopo l’approvazione all’unanimità della mozione 2/2018 presentata dal Consigliere Furio Honsell.

“Qual è il senso della mozione approvata all’unanimità, se dopo 14 mesi dalla sua approvazione l’unica iniziativa che è stata presa dalla Regione, con motivazioni risibili e tutto sommato non rispettose verso la sensibilità dei cittadini del FVG, della Famiglia e della memoria di Giulio Regeni, è stata quella di togliere lo striscione in Piazza Unità?”.

La risposta dell’Assessore Roberti, delegato dalla Giunta, è stata assai deludente: tutto si è ridotto al sostenere che l’eliminazione di uno striscione per ricordare a tutti i cittadini il valore di ottenere la verità su questo caso “non cambia e non muta di un millimetro la volontà della Regione di poter arrivare alla verità.” L’Assessore Roberti ha dichiarato che sono state inviate alcune lettere indirizzate al Governo.

Il Consigliere Honsell ha risposto che “mandare in giro delle lettere non è molto impegnativo. Avrebbe un peso diverso interrogarsi sul perché non giungano delle risposte o perché appunto non sia il caso di essere più incalzanti con quelle che sono le iniziative volte a trovare la verità; se no anche quello diventa un mero adempimento. Qui si tratta di ottenere un risultato!”.

Infine, l’Assessore ha voluto “censurare” l’interrogazione a risposta immediata del Consigliere Honsell affermando la non urgenza del tema. Vogliamo far presente all’Assessore che nell’articolo del Regolamento il tema relativo ad un’interrogazione può essere anche di attualità. Si parla molto di urgenza, ma cosa ci può essere di più urgente, se non di ricevere una risposta chiara, la verità, sulla barbara uccisione di un nostro corregionale avvenuta più di tre anni fa?

Tra l’altro l’Assessore dimostra di essere in contraddizione con il gruppo della Lega in Parlamento, in quanto è lo stesso capogruppo della Lega in Commissione Esteri a chiedersi: che fine ha fatto la Commissione di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni?

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi