MIA – Misura d’Inclusione Attiva: un commento a caldo dal Consiglio regionale

MIA – Misura d’Inclusione Attiva: un commento a caldo dal Consiglio regionale

La reintroduzione della Misura d’Inclusione Attiva nella finanziaria 2019 rappresenta l’ennesimo intervento da parte della Giunta regionale che va a peggiorare quanto di buono introdotto precedentemente, e che andava invece prorogato.

Se da un lato infatti si mantiene questa misura di sostegno che ha aiutato più 24.000 famiglie in passato, dall’altro la marca con la cifra del rancore ideologico. Alla misura di sostegno vengono infatti apportate due modifiche sostanziali: si pone un tetto massimo all’importo economico e viene introdotto il vincolo di 5 anni di residenzialità per farne richiesta.

La prima modifica, nella sostanza, comporterà la decurtazione di meno di un centinaio di euro mensili, e solamente in pochissimi casi, ma un tanto basta a segnare che la difficoltà economica è una colpa, se non addirittura un vizio per questa maggioranza.

Per quanto concerne la seconda invece poco importa a questa Giunta se creerà non poche difficoltà a diverse famiglie che si ritroveranno in una situazione di forte disagio, rimbalzando tra l’altro la gestione del problema ai servizi sociali dei Comuni.

Ciò che importa è che chi è povero non si senta mai ben accetto nella Regione governata da questa coalizione.

Info sull'autore

Furio Honsell administrator

Commenta

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi