Breve nota a commento della giornata di ieri in Consiglio regionale FVG

Breve nota a commento della giornata di ieri in Consiglio regionale FVG

Sono intervenuto in aula come relatore di minoranza per portare all’attenzione del Consiglio Regionale il punto di vista di Open Sinistra Fvg in merito alla “manovra” finanziaria regionale 2019.
E’ stato difficile trovare modo di proporre ragionamenti all’altezza del momento partendo da un documento di oltre 250 pagine nella quale non si trova nessuna idea nuova, nessun tentativo di analisi approfondita della realtà regionale, nessuna proposta in linea con i problemi. La maggioranza ha detto che questa manovra ha un cuore: sarebbe stato meglio avesse avuto un po’ più di cervello.
Dalla manovra mancano progetti capaci di porre l’ente Regione al centro del dibattito politico e civile in tema di innovazione, cultura e istruzione, contrasto al degrado ambientale e ai mutamenti climatici, così come mancano iniziative chiare su temi che avrebbero dovuto essere la cifra distintiva di questa maggioranza, quali il sostegno all’economia e in particolare al sistema delle imprese, oltre che una scarsa visione sul mondo del lavoro. Insomma, nessuna attenzione alla qualità della vita e al progresso del nostro territorio.
Deludente anche la parte sulla Sanità e sugli Enti Locali, così presente in molta della propaganda della destra durante la scorsa campagna elettorale regionale: il tema della Salute è in continuità con il passato: avremmo desiderato più attenzione sulla medicina di iniziativa e sul raccordo della medicina di base, nonché sul benessere mentale e relazionale dei cittadini e sul contrasto alla solitudine. e sul raccordo della medicina di base, oltreché più chiarezza sull’assetto organizzativo e gestionale del sistema. Medesima obiezione può essere mossa alla parte sulle Autonomie Locali, sulle quali non c’è nulla tranne la volontà di demolire l’architettura esistente.
Eppure per dei mesi prima del voto la Regione era stata descritta come in declino, a pezzi, da riformare da cima a fondo, ma di tutta questa ansia di cambiamento non vi è alcuna eco nel testo e nello spirito della manovra, quasi tutto è all’insegna della continuità, tranne la costante delle politiche di discriminazione verso ogni forma di diversità e bisogno, autentica ossessione regionale e nazionale, unico vero contributo “innovativo” di una maggioranza che ha una visione della politica e della società ferma al bianco e nero degli anni ’50.
Per citare Rossini intento a recensire una sinfonia di un autore emergente: “c’è del nuovo e c’è del bello, ma il bello non è nuovo e il nuovo non è bello”.

Info sull'autore

Furio Honsell administrator

Commenta

Utilizzando il sito, accetti il possibile utilizzo di cookies. Per maggiori info

Questo sito potrebbe utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile o per raccogliere eventuali informazioni sull’uso del sito. Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; in caso contrario puoi abbandonare il sito.

Chiudi